Lo spettacolo è in piazza

I racconti del Trofeo RiLL e l’edizione 2010 di Ludika 1243
di Vania Castelfranchi
[pubblicato su RiLL.it nel maggio 2011]

Dal 2001 il quartiere San Pellegrino di Viterbo torna a inizio estate agli splendori dell’epoca medievale, grazie a Ludika 1243. Curata fra gli altri dalla Ludoteca La Tana degli Orchi e dal gruppo Elish, Ludika è una colorata, spettacolare e gratuita festa di piazza. Nel 2010 anche i racconti del Trofeo RiLL sono stati protagonisti della manifestazione, portati in scena (o meglio: in piazza) dal Laboratorio di Teatro Ludyka, diretto dal regista Vania Castelfranchi. Proprio l’ottimo Vania, ora, ci riporta a quei momenti…

Durante le quattro serate di fine giugno 2010, all’interno dell’evento di spettacolo, gioco e rievocazione storica in chiave giocosa di Ludika 1243, da dieci anni oramai ospite dei quartieri medioevali di Viterbo, ho curato la “regia” dello spettacolo che i RiLLini mi avevano proposto mesi addietro: far "vivere" alcuni passaggi dei racconti pubblicati negli anni nelle raccolte antologiche del Trofeo RiLL.

Ho accolto l’idea con gioia e con imbarazzo, viste la stima e l’ammirazione verso la splendida esperienza di RiLL in un decennio di pubblicazioni e ricerche letterarie.
Ho progettato l’evento come un aggiuntivo momento meta-teatrale, da far vivere lungo le vie, le piazze e le taverne attive all’interno della festa di Ludika (da piazza della Morte a piazza San Pellegrino, passando per San Carluccio). Per inserire questo tipo di “spettacolarizzazione” dei racconti all’interno della chiave medievaleggiante e giocosa di Ludika si è pensato di trasformare le letture in Giullarate, accompagnate da musici, cantanti, attori, giocolieri e interventi del pubblico.
Così, alcuni componenti del Laboratorio di Teatro Ludyka (Enrico Di Addario, Gabriele Tacchi, Federico Moschetti, Omar Lombardi, Valentina Crisante, Claudio Ciannarella, Laura Pellegrini) si sono divisi in gruppi di tre interpreti a serata, affiancati dai musicisti e cantanti del gruppo Forasteri, ed hanno trasformato alcuni brani dei racconti pubblicati nei vari Mondi Incantati in canovacci di narrazione e gioco teatrale.

I racconti erano stati selezionati in precedenza, considerandone la varietà tematica, la giusta brevità, lo stile e l’equilibrio con le tematiche di Ludika.
All’interno dei racconti scelti (uno, due o tre a seconda del programma delle diverse serate) sono stati sottolineati i punti più adatti a creare atmosfere e interazioni con il pubblico (domande, canzoni, giochi di giocoleria e focoleria…) e si è sperimentato di sera in sera il successo dell'esperimento.

Gli spettacoli sono stati ripetuti ogni sera in almeno quattro punti diversi del quartiere di San Pellegrino, per incontrare il favore di più pubblico possibile.

Gli spettacoli potevano essere di 3 possibili tipologie:
1) normale Giullarata narrativa, ove una o due voci si intervallavano trasformando la lettura in una sorta di breve dialogo, con interventi musicali e poca interazione con il pubblico;
2) Canovaccio ludico, nel quale gli attori utilizzavano la lettura del racconto come spunto narrativo, per inserirvi commenti, variazioni, interventi del pubblico, musiche e giochi, “riscrivendo” il testo in una improvvisazione continua;
3) Gara di Giullari, per la quale venivano sfruttati due o più racconti, che i Narratori leggevano (come nella Giullarata normale) ma gareggiando tra di loro, con salti analogici, poetici o di scena. Spesso questa “frizione” tra i due testi innescava dinamiche tipiche del Canovaccio ludico, integrando in questa terza forma di spettacolo le precedenti due.

Il pubblico ha reagito splendidamente, incuriosito dai racconti tratti dalle antologie, ascoltando i brani e i giochi degli attori e dei musici come fossero dei veri micro-spettacoli, gustando gli stili dei vari autori, e restando affascinato da quegli “spicchi” di testo che invogliavano alla lettura integrale dei racconti.

L'appuntamento, quindi, è per l'edizione 2011 di Ludika 1243...

Le foto che corredano l'articolo sono di Alberto Panicucci.
Gli attori nella prima foto sono (da sinistra): Federico Moschetti, Federico Punelli ed Enrico Di Addario.
L'attore nella seconda foto è Gabriele Tacchi.

argomento: